Crema di nocciole

10

Crema di nocciole

Categories: , Tags: ,

6,00

Availability:

In Stock

Confronta
Description :

La scelta migliore per un momento di dolce peccato è utilizzare una delle nostre creme spalmabili al pistacchio, alla nocciola, al gianduia o alla mandorla, per farcire un’ottima fetta di pane fatto in casa come nella migliore tradizione siciliana.

Modalità di conservazione
Conservare in luogo fresco ed asciutto a temperatura ambiente e lontano da fonti di calore.

Shelf life
18 mesi

Peso Netto
200 gr

Additional Information :
Weight 0.500 kg

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Crema di nocciole”

Tags: , .

Zucchero, oli (girasole e colza in proporzioni variabili) e grassi vegetali non idrogenati (palma e palmisti), nocciole (25%), latte scremato in polvere, siero di latte in polvere, emulsionante: lecitina di soia (E322), aromi (vanillina).
Sugar, oils (sunflower and rapeseed in varying proportions) and non hydrogenated vegetable fats (palm and palm kernel), halzenut (25%), skimmed milk powder, whey powder, emulsifier: soy lecithin (E322), flavor (vanillin).

Allergeni - Allergens
Può contenere tracce di allergeni.
It may contain allergens.

You May Also like

12

Confettura di fichi neri

0 out of 5
5,00
2

Paste di Mandorla

0 out of 5
6,00

La celebrazione e il trionfo della mandorla di Avola racchiusa in un dolce tipico che ne esalta il sapore, tocco di bianco dello zucchero a velo che ricorda l’Etna innevata.

14

Crema di gianduia

0 out of 5
6,00

La scelta migliore per un momento di dolce peccato è utilizzare una delle nostre creme spalmabili al pistacchio, alla nocciola, al gianduia o alla mandorla, per farcire un’ottima fetta di pane fatto in casa come nella migliore tradizione siciliana.

16

Olivette di Sant’Agata al cioccolato

0 out of 5
5,00

Si racconta che mentre Agata, la Santa patrona della città di Catania, stava per essere condotta in carcere chiese ai soldati che la scortavano il consenso di allacciarsi un calzare. In quel preciso istante, laddove la giovane s’era fermata, miracolosamente spuntò una piccola pianta: un olivastro che col passare dei giorni diventò un alberello. Da qui la tradizione delle olivette (aliveddi) di semolato di zucchero e mandorle.

Sicilian Goodness | Cose Duci
X